Panda

Domenica 14 Gennaio
Necropoli di Realmese-Calascibetta Lago di Pergusa-Enna

Questa giornata inizia con la visita alla Necropoli di Realmese,una necropoli datata tra il decimo e il sedicesimo secolo A.C..Si riconosce per le numerose aperture ricavate su una parete rocciosa.Complice il silenzio,rotto solo dal cinguettio degli uccelli e dal soffio del vento, circa trecento tombe a forno,pur non conservando più nulla dell’antico uso,continuano a suggestionare ed ad affascinare.Subito dopo si visita Calascibetta,cittadina di origine araba nata per contrastare ed occupare Enna nel corso delle cruente guerre tra cristiani e saraceni.Percorrendo le strette vie del centro storico,si notano subito le tante chiese con i loro prospetti di pietra;fino al secolo scorso la città ne vantava ben quarantasei.Sono questa chiese ad essere oggi lo scrigno dei tesori della tranquilla cittadina.Segnaliamo la Chiesa del Carmine,al cui interno è custodita una pregevole Annunciazione attribuita al Gagini;il convento dei Cappuccini che costituisce una splendida pala del Seicento attribuita a Filippo Paladino raffigurante l’adorazione dei Magi;la Chiesa di Sant’Antonio,qualificato esempio di barocco siciliano,senza dimenticare la Chiesa Madre,con la sua suggestiva navata centrale,delimitata da un colonnato di pietra rossa locale.Inoltre all’interno di Calascibetta ci sono vicoli ancora più stretti e impervi degli altri:sono le vie dell’antico quartiere ebraico,testimonianza di come tutte e tre le grandi religioni monoteiste,araba,cristiana ed ebraica siano state presenti a Calascibetta. Per il pranzo ci dirigeremo al lago di Pergusa,legato all’antichissima leggenda del ratto di Proserpina.Il lago,orrendamente sfigurato dal circuito automobilistico che ne cinge le sponde ,è oggi riserva naturale. Il tardivo riconoscimento dei vincoli naturalistici ha consentito che lo scempio non proseguisse e oggi il lago,nonostante tutto, è luogo di sosta di moriglioni ,marzaiole,folaghe ed altri uccelli acquatici. Intorno al lago si trova una pineta,in cui pranzeremo. Dopo la sosta a Pergusa breve visita ad Enna,il capoluogo di provincia più alto d’Italia con con la sua parte alta che supera i novecento metri.Effettueremo una breve passeggiata intorno al castello di Lombardia,che deve il suo nome alla guarnigione di Lombardi che occupavano la città al tempo della dominazione normanna,con i resti delle sue venti torri e i suoi larghi piazzali.

Partenza : AciCatena (7.30)
Acireale-Piazza Duomo(8.00)

scarpe da trekking,zaino in spalla, giacca a vento,binocolo, pranzo a sacco.
Difficoltà : molto facile.
Rientro previsto : ore 21.00 circa
Le iscrizioni si accettano nella sede di via Marchese di Sangiuliano 122 Acireale, lunedì ore 20-21.30, martedì,giovedì, e venerdì ore 16-20.

Torna indietro