La sua estensione complessiva Ŕ di circa 6 Km., ha inizio in localitÓ Acque Grandi ( a nord di Capo Mulini) e prosegue con andamento sud-nord fino all'abitato di S. Maria La Scala situato alla base della scarpata su cui sorge Acireale. Da qui la Timpa piega leggermente verso NNW fino alla localitÓ Mortari, immediatamente ad est dell'abitato di S. Maria Ammalati, punto in cui il pendio si addolcisce rapidamente. L'altezza della scarpata costiera non Ŕ costante per tutto il suo sviluppo longitudinale. Infatti, raggiunge i 125 m. in corrispondenza del tratto compreso tra la localitÓ Mulino Testa dell'Acqua e S. Maria La Scala, da qui fino all'estremitÓ meridionale dell'abitato di S. Tecla la costa si presenta nuovamente alta pochi metri, mentre l'entroterra Ŕ costituito da un pendio di altezza gradualmente decrescente. In questo tratto la Timpa appare interrotta per circa 700 m., per poi ripresentarsi con pareti subverticali subito a nord.
La Timpa di S.Maria La Scala - in basso l'edificio cinquecentesco che ospita il mulino dei fratelli Vasta Il tratto settentrionale si sviluppa a breve distanza dalla costa, allontanandosi sempre pi¨ da essa via via che si procede verso la sua estremitÓ; Ŕ lungo questo tratto che si raggiungono le quote pi¨ elevate fino ad un massimo di circa 200 m.

Dietro Continua...